Sa Che Geomanzia Tibetana

Mandala della tartaruga

 

C’era una volta, una tartaruga gigante che stava volando nello spazio, cantando una canzone. Manjushri, il Buddha della saggezza, era seduto in meditazione. Poichè la canzone della tartaruga stava disturbando la sua meditazione, pensò:

“Oh, se solo avessi la mia spada! Vorrei tagliare in due quella tartaruga!” Ma poiché era troppo pigro per prendere la spada, prese in prestito una freccia da Rahula. Dal momento che la tartaruga continuava a far rumore, Manjushri la colpì con la freccia. La tartaruga fu ferita al fianco destro e la freccia restò conficcata nel suo corpo. Piena d’ira e rabbia, la tartaruga  sputò fuoco. A causa del dolore, perse un pò di urina. per lungo tempo la tartaruga vagò nello spazio fino a diventare il nostro pianeta.

Così narra la leggenda. Attraverso questa storia astrologica, si spiegano gli elementi esterni e le loro connessioni con il nostro pianeta. Dato che Manjushri tirò da est e la freccia si piantò nella tartaruga, la punta di metallo della freccia che l’attraversò rappresenta l’energia del metallo nel lato sinistro della tartaruga l’ovest. L’estremità della freccia, a est, simboleggia l’energia del legno. Il fuoco che esce dalla bocca della tartaruga rappresenta l’energia del fuoco a sud. L’urina che si sparge rappresenta l’energia dell’acqua a nord. L’energia della terra, il corpo della tartaruga, il nostro pianeta.

Allo stesso modo possiamo considerare ogni continente, stato, provincia o la nostra casa come una perfetta tartaruga con le cinque energie. Questa tartaruga dello spazio vitale è legata alla nostra tartaruga corporea, perfino ogni parte del corpo è come una tartaruga.

Il significato di questa spiegazione è che lo spazio vitale, il nostro pianeta o la nostra casa ci infulenza costantemente. Questo è un concetto molto semplice, anche se essenziale, del Sa Che.